Articoli

Venerdì, 29 Novembre 2013

Ho pensato che potesse farvi piacere avere una specie di collezione degli editoriali sulle cover degli albi di The Walking Dead. Perciò ho pensato (due volte nella stessa giornata, addirittura) di metterli qui, poco alla volta, soprattutto per coloro che leggono The Walking Dead in edizione paperback.

Via, si comincia dall'inizio, dal glorioso numero 1. 

 

TWD edicola 001 cover REGULAR LOWRES-1

LA COVER DEL NUMERO 1

Sappiatelo: la serie che vi apprestate a iniziare con questo primo numero è potenzialmente infinita. Il racconto è infatti nelle intenzioni del suo autore Robert Kirkman una vera e propria soap opera zombie, che ha per protagonista indiscusso Rick Grimes, accompagnato nel difficile cammino che lo attende da una serie di compagni di viaggio tra i più disparati.
In The Walking Dead ci sono i buoni, i cattivi, gli inetti, i coraggiosi, i meschini e ogni altra categoria umana. E ci sono, soprattutto, un sacco di non-morti, di poveri esseri umani tramutati in affamati pezzi di carne ambulante senza un’anima, cioè una delle peggiori compagnie che ci possa aspettare di incontrare sul proprio cammino e con cui essere costretti a convivere e combattere. Tutti questi elementi iniziali sono riassunti dalla prima copertina della serie, la stessa dell’edizione americana, ideata dallo stesso Kirkman e realizzata nel 2003 da Tony Moore, primo disegnatore di The Walking Dead. Nelle intenzioni di Kirkman questa prima immagine, che ogni lettore si sarebbe trovato tra le mani come biglietto da visita della narrazione, avrebbe dovuto mostrare Rick in tutta la sua gloria, perché TWD parla soprattutto di lui, non degli zombie. Sembra strano, ma è proprio così: è la storia di un vicesceriffo che si trova a dover sopravvivere in un mondo senza più nessuna regola certa, visto che quelle vecchie, del mondo che era esistito sino a quel momento, sono sparite con l’avvento degli zombie. E infatti eccolo lì, di trequarti, intento a caricare il fucile che gli servirà per liberarsi di quella massa di vagabondi decomposti che stanno alle sue spalle. Li vedete? Sono riflessi nella vetrina del negozio, gli occhi e la bocca spalancati, pronti a colpire. È tutto in frantumi, la strada piena di detriti e rifiuti, la macchina schiantata contro un idrante di quelli che si vedono sempre nei film. All’interno della vetrina una serie di manichini giacciono scomposti, sono privi di vita, com’è nella loro natura. Per lo meno hanno fattezze umane. Guardate invece i volti riflessi: scavati, orribili, morti. L’unico ad essere ancora umano è Rick Grimes, nella sua posa solenne ed eroica. A lui il comando. Sarà durissima, molto peggio di quanto non immagini ora, col fucile pronto a sparare tra le mani.