SALDAPRESS testata 962x180

La carriera di James Vance come scrittore abbraccia teatro, televisione, fumetto e giornalismo. Dopo essersi aggiudicato numerosi riconoscimenti come drammaturgo, ha ricevuto l'incarico di scrivere l'opera teatrale Halls of Ivory, segnalata come evento ufficiale nell'ambito delle Celebrazioni per il Bicentenario della Costituzione Statunitense. La sua opera intitolata Stations è stata scelta nel 1981 per rappresentare gli Stati Uniti al Festival Internazionale del Teatro di Monte Carlo. Nel campo del fumetto, ha firmato la sceneggiatura del romanzo grafico Re in Incognito, realizzato insieme al disegnatore Dan Burr e premiato nel 1989 con i prestigiosi Eisner e Harvey Awards. Altri suoi lavori a fumetti includono storie per i personaggi di Batman, Aliens, The Crow e The Spirit. I suoi lavori sono diventati radiodrammi o sceneggiature di film indipendenti. Dal catalogo che ha scritto per accompagnare la mostra itinerante dello Smithsonian Institution Climbing Jacob's Ladder è stato ricavato un documentario televisivo intitolato Hope is the last thing to die, la cui sceneggiatura ha ricevuto un'onoreficenza da parte della National Conference of Christians and Jews. Ha scritto un romanzo giallo in collaborazione con la sua seconda moglie Kate Worley e attualmente sta collaborando con Reed Waller (co-creatore insieme a Kate Worley del personaggio a fumetti Omaha the cat dancer) alla realizzazione di nuovi episodi della serie Omaha.
Sempre con Dan Burr ha pubblicato nel 2013 On the ropes, seguito delle vicende narrate in in Re in incognito.