STRIPS testata 962x180

Giovedì, 05 Luglio 2012

PVP vol1 coverRidere fa bene alla salute, alla pelle, alle sinapsi, cura l’influenza e forse anche la sinusite cronica. Di certo è un rimedio efficacissimo contro noia articolare e ritenzione comica. Per questo esiste Player Vs. Player, la striscia umoristica diventata un fenomeno mediatico di culto negli Stati Uniti.
Qualcuno dice che i videogiochi fanno male, ma di certo hanno fatto benissimo a Scott Kurtz, l’autore delle strips che dal web sono rimbalzate su carta per tornare di nuovo nello spazio virtuale. Il risultato sono i volumi di Player vs Player (ormai conosciuta da tutti con l'acrostico PvP) che raccontano le disavventure a fumetti della sconclusionata redazione della rivista PvP Magazine.
Il nome della rivista richiama i giochi di ruolo on-line in cui più persone si affrontano contemporaneamente, giocatore contro giocatore - altrimenti detti MMORPG - e le situazioni "uno contro l'altro" dell'epoca dei coin-up e delle sale-giochi.
E proprio i videogiochi sono delizia e tormento del gruppo di svitati che animano questa rivista, un vero e proprio cast da sit-com. In PVP si assiste all'eterna lotta tra PC e consolle, a battibecchi tra innamorati e a sesso in ufficio. E poi ci sono dadi appiccicosi di caffè e patatine, scontri generazionali e adolescenti avvelenati dal testosterone, spionaggio aziendale e colpi bassi tra ex compagni di liceo, creature mitologiche dimenticate nel ripostiglio delle scope, autori di fumetti sguinzagliati alle convention come turisti allo zoo e comparsate di lusso (Frank Cho, Savage Dragon, Spawn e la combriccola di Liberty Meadows). Insomma, la lucida follia quotidiana di ogni normalissimo nerd che si rispetti.

Archivio

Etichette